Pizza.com venduto per 2,6 milioni di dollari

Questa è la storia di Chris Clark che con 20$ all’anno (dal 1994) ha mantenuto la registrazione del dominio Pizza.com ed ora è diventato milionario. Chris, 43 anni, del North Potomac aveva registrato il dominio con l’intento di ricevere un contratto di consulenza da aziende del settore alimentare ma è anche riuscito a guadagnare grazie alla pubblicità.
A Gennaio dopo aver letto la notizia che un dominio simile (Vodka.com) era stato venduto per ben 3 milioni di dollari nel 2006 ha pensato di mettere all’asta il dominio.
La base d’asta iniziale era di soli 100$ e pensate è arrivata a ben 2,6 milioni di dollari in una sola settimana!
Il vincitore dell’asta non è stato rivelato ma c’è da aspettarsi, vista la cifra notevole raggiunta, che si tratti di un grosso marchio.

Annunci

Ecco i vincitori dell’asta sulle licenze WiMax

Ieri si sono concluse le aste per l’assegnazione delle licenze WiMax a livello regionale e macroregionale in Italia, un grande successo per lo Stato che incassa complessivamente ben 136 milioni di euro (+176% rispetto alla base d’asta).
Ma ecco la lista completa dei vincitori tratta dal comunicato stampa del Ministero delle Comunicazioni:

Aggiudicatari dei 7 diritti d’uso nazionali – Blocco A

  • 1                Lombardia-Bolzano-Trento => ARIADSL
  • 2                Valle d’Aosta-Piemonte-Liguria-Toscana => ARIADSL
  • 3                Friuli Venezia Giulia-Veneto-Emilia Romagna-Marche => ARIADSL
  • 4                Umbria-Lazio-Abruzzo-Molise => ARIADSL
  • 5                Campania-Puglia-Basilicata-Calabria => ARIADSL
  • 6                Sicilia => A.F.T.
  • 7                Sardegna => ARIADSL

Aggiudicatari dei 7 diritti d’uso nazionali – Blocco B

  • 1                Lombardia-Bolzano-Trento => E-VIA GRUPPO RETELIT
  • 2                Valle d’Aosta-Piemonte-Liguria-Toscana => E-VIA GRUPPO RETELIT
  • 3                Friuli Venezia Giulia-Veneto-Emilia Romagna-Marche => E-VIA GRUPPO RETELIT
  • 4                Umbria-Lazio-Abruzzo-Molise => Telecom Italia
  • 5                Campania-Puglia-Basilicata-Calabria => Telecom Italia
  • 6                Sicilia => Tourist Ferry Boat-Temix-Medianet Comunicazioni
  • 7                Sardegna => Telecom Italia

Aggiudicatari dei 21 diritti d’uso regionali – Blocco C

  • 1                Lombardia => A.F.T.
  • 1                Prov. Aut. Bolzano => Brennercom
  • 1                Prov. Aut. Trento => MGM Productions Profit Group
  • 2                Valle d’Aosta => Ribes Informatica-Hal Service-Lan Service-Informatica System-Tex97-B.B.Bell
  • 2                Piemonte => A.F.T.
  • 2                Liguria => MGM Productions Profit Group
  • 2                Toscana => MGM Productions Profit Group
  • 3                Friuli Venezia Giulia => Assomax
  • 3                Veneto => A.F.T.
  • 3                Emilia Romagna => Infracom
  • 3                Marche => City Carrier
  • 4                Umbria => A.F.T.
  • 4                Lazio => A.F.T.
  • 4                Abruzzo => A.F.T.
  • 4                Molise => A.F.T.
  • 5                Campania => A.F.T.
  • 5                Puglia => A.F.T.
  • 5                Basilicata => A.F.T.
  • 5                Calabria => A.F.T.
  • 6                Sicilia => ARIADSL
  • 7                Sardegna => A.F.T.

In base alla procedura stabilita dal Ministero delle Comunicazioni, vengono rilasciati 3 diritti d’uso complessivi delle frequenze disponibili nella banda 3.4 – 3.6 GHz, indicati come Blocco A, Blocco B e Blocco C, ciascuno di ampiezza frequenziale pari a 2×21 MHz.

Di tali diritti d’uso, 2 (Blocco A e Blocco B) sono rilasciati per aree di estensione geografica macroregionale, per 7 Macroregioni, mentre 1 diritto d’uso (Blocco C) è rilasciato a livello regionale (con suddivisione provinciale nel caso delle Province Autonome di Trento e Bolzano) per 21 regioni.

wimax.jpg

Città in Texas comprata da un’italiano su eBay

Su eBay si trova davvero di tutto, anche una città texana all’asta.
La città di Albert ricopre una superficie di 13 acri e dista a circa 100 km da San Antonio, è presente inoltre una locanda che è aperta soltanto dei weekend.
A vincere l’asta è stato un italiano, con un’offerta di 3,8 milioni di dollari su una base d’asta di 2,5 milioni.
Non è la prima volta che una città viene venduta su eBay, la prima è stata Bridgeville nel nord della California.

albert.jpg

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: