Stage pagati? ecco dove trovarli

State cercando uno stage per concludere gli studi universitari o per entrare nel mondo del lavoro e non vi dispiacerebbe essere pagati? Allora vi consiglio di dare un’occhiata a questo utilissimo sito: La Repubblica degli Stagisti.
Nel sito sono analizzate varie problematiche incontrate nel mondo del lavoro ed è inoltre possibile consultare una “classifica” delle migliori aziende, su territorio italiano, che ricompensano i loro stagisti.
Da mettere dei bookmark per tutti i futuri lavoratori.

Il Guinness World Records dedicato ai videogiochi

Il famoso libro dei record della Guinness quest’anno esce anche in una edizione speciale dedicata appositamente al mondo videoludico. Ben 256 pagine a colori in formato grande, come da tradizione, per parlare di record, curiosità e statistiche sui videogiochi aggiornate al 2008. Ad esempio:

  • Quale è stata la prima azienda a sviluppare per la propria console un controller con vibrazione o con wireless? Nintendo (Nintendo64, 1996) e Nintendo (GameCube, 2001).
  • Il primo gioco di combattimento ad usare le combo (mosse che richiedono la pressione di combinazioni di tasti in sequenza)? ovviamente Street Fighter II della Capcom.
  • Il più grande LAN Party di sempre? E’ stata a Jönköping in Svezia nel Novembre 2004, dove 9184 persone su 8521 macchine hanno giocato a Counter-Strike in contemporanea.
  • Il gioco che ha venduto di più? Super Mario Bros con più di 40 milioni di compie vendute (contando che era anche in bundle con il NES).
  • Il filmato più lungo della serie Metal Gear? 15 minuti e 17 secondi dal gioco Metal Gear Solid quando Snake distrugge il Metal Gear Rex
  • Il primo gioco ad usare il motion capture per ricreare movimenti accurati? Prince of Persia (1989), il suo creatore, Jordan Mechner, filmò suo fratello mentre compiva movimenti acrobatici e successivamente ridisegnò sopra ogni singolo frame.
  • Qual’è la console che consuma meno energia? E’ il Wii con 18.4 watt contro i 186,5 di Xbox 360 e i 199,7 di PS3
  • Il nome originale di Sonic? Mr. Needlemouse.
  • Il primo gioco ad avere un servizio in-game di consegna pizze? EverQuest II, che permette di collegarsi al sistema di ordini online di Pizza Hut digitando solamente “/pizza.”
  • Il record di “maggior numero di ossa rotte da un gioco di simulazione”? Va ad un arcade chiamato Arm Spirit (2007) che causò la frattura reale di tre braccia.
  • Il primo videogioco da salagiochi a contenere pubblicità? Pole Position di Atari nel 1983.
  • Il gioco più costoso da produrre? Shenmue (1999) per Dreamcast con un budget di 70 millioni di dollari (anche se questo record è stato battuto recentemente da GTA4 con 100 milioni di dollari).

Oltre ai classici record sono presenti anche innumerevoli high-score e record di velocità in giochi di guida.
Di sicuro si tratta di un libro che potrebbe fare la felicità di qualsiasi appassionato di videogiochi e curiosità.
Pensate di poter battere un record? Qui potete trovare il regolamento sul come inviare il vostro record.
Inoltre se volete dare un’occhiata a qualche pagina del libro potete dare un’occhiata a questa anteprima online.
Ultima nota il libro è stato tradotto in italiano e viene venduto ad un prezzo di 20€, ad esempio potete comprarlo qui.


Morto Gygax, il creatore di Dungeons&Dragons

Si è spento oggi nella sua casa in Wisconsin, a 69 anni, Gary Gygax il creatore del popolare gioco di ruolo “Dungeons&Dragons” vero successo mondiale che ha contagiato milioni di persone al mondo.
Inizialmente pubblicato dalla compagnia di Gygax, la Tactical Studies Rules (TSR), Dungeons&Dragons è stato il punto di partenza dell’editoria legata ai giochi di ruolo. È ancora oggi di gran lunga il più diffuso e conosciuto gioco di ruolo con 20 milioni di giocatori, traduzioni in molte lingue ed oltre un miliardo di dollari di vendite di libri ed accessori fino al 2004. Ispirato alla mitologia, il gioco originale consentiva ai giocatori di interpretare un essere umano appartenente ad una di quattro classi: guerriero, mago, ladro e chierico, oppure essere un membro di una razza fantasy: nano, halfling o elfo.
[Corriere.it]

garygygax.jpg

Ecco i vincitori dell’asta sulle licenze WiMax

Ieri si sono concluse le aste per l’assegnazione delle licenze WiMax a livello regionale e macroregionale in Italia, un grande successo per lo Stato che incassa complessivamente ben 136 milioni di euro (+176% rispetto alla base d’asta).
Ma ecco la lista completa dei vincitori tratta dal comunicato stampa del Ministero delle Comunicazioni:

Aggiudicatari dei 7 diritti d’uso nazionali – Blocco A

  • 1                Lombardia-Bolzano-Trento => ARIADSL
  • 2                Valle d’Aosta-Piemonte-Liguria-Toscana => ARIADSL
  • 3                Friuli Venezia Giulia-Veneto-Emilia Romagna-Marche => ARIADSL
  • 4                Umbria-Lazio-Abruzzo-Molise => ARIADSL
  • 5                Campania-Puglia-Basilicata-Calabria => ARIADSL
  • 6                Sicilia => A.F.T.
  • 7                Sardegna => ARIADSL

Aggiudicatari dei 7 diritti d’uso nazionali – Blocco B

  • 1                Lombardia-Bolzano-Trento => E-VIA GRUPPO RETELIT
  • 2                Valle d’Aosta-Piemonte-Liguria-Toscana => E-VIA GRUPPO RETELIT
  • 3                Friuli Venezia Giulia-Veneto-Emilia Romagna-Marche => E-VIA GRUPPO RETELIT
  • 4                Umbria-Lazio-Abruzzo-Molise => Telecom Italia
  • 5                Campania-Puglia-Basilicata-Calabria => Telecom Italia
  • 6                Sicilia => Tourist Ferry Boat-Temix-Medianet Comunicazioni
  • 7                Sardegna => Telecom Italia

Aggiudicatari dei 21 diritti d’uso regionali – Blocco C

  • 1                Lombardia => A.F.T.
  • 1                Prov. Aut. Bolzano => Brennercom
  • 1                Prov. Aut. Trento => MGM Productions Profit Group
  • 2                Valle d’Aosta => Ribes Informatica-Hal Service-Lan Service-Informatica System-Tex97-B.B.Bell
  • 2                Piemonte => A.F.T.
  • 2                Liguria => MGM Productions Profit Group
  • 2                Toscana => MGM Productions Profit Group
  • 3                Friuli Venezia Giulia => Assomax
  • 3                Veneto => A.F.T.
  • 3                Emilia Romagna => Infracom
  • 3                Marche => City Carrier
  • 4                Umbria => A.F.T.
  • 4                Lazio => A.F.T.
  • 4                Abruzzo => A.F.T.
  • 4                Molise => A.F.T.
  • 5                Campania => A.F.T.
  • 5                Puglia => A.F.T.
  • 5                Basilicata => A.F.T.
  • 5                Calabria => A.F.T.
  • 6                Sicilia => ARIADSL
  • 7                Sardegna => A.F.T.

In base alla procedura stabilita dal Ministero delle Comunicazioni, vengono rilasciati 3 diritti d’uso complessivi delle frequenze disponibili nella banda 3.4 – 3.6 GHz, indicati come Blocco A, Blocco B e Blocco C, ciascuno di ampiezza frequenziale pari a 2×21 MHz.

Di tali diritti d’uso, 2 (Blocco A e Blocco B) sono rilasciati per aree di estensione geografica macroregionale, per 7 Macroregioni, mentre 1 diritto d’uso (Blocco C) è rilasciato a livello regionale (con suddivisione provinciale nel caso delle Province Autonome di Trento e Bolzano) per 21 regioni.

wimax.jpg

La lista completa dei vincitori degli Oscar 2008

Dopo avervi proposto le nomination non potevamo non pubblicare la lista completa dei vincitori dell’ 80° edizione degli Oscar.
Ecco i vincitori:

  • Miglior film: «Non è un paese per vecchi», di Joel Coen ed Ethan Coen.
  • Regia: Joel Coen, Ethan Coen («Non è un paese per vecchi»).
  • Attore: Daniel Day Lewis («Il petroliere»).
  • Attrice: Marion Cotillard («La vie en rose»).
  • Attore non protagonista: Javier Bardem («Non è un paese per vecchi»).
  • Attrice non protagonista: Tilda Swinton («Michael Clayton»).
  • Film straniero: «Il falsario» (Die Faelscher), di Stefan Ruzowitzky (Austria).
  • Sceneggiatura originale: Diablo Cody («Juno»).
  • Sceneggiatura non originale (adattamento): Joel Coen ed Ethan Coen («Non è un paese per vecchi»).
  • Fotografia: Robert Elswit («Il petroliere»).
  • Montaggio: Christopher Rouse («The Bourne Ultimatum – Il ritorno dello sciacallo»).
  • Scenografia: Dante Ferretti, Francesca Lo Schiavo («Sweeney Todd»).
  • Costumi: Alexandra Byrne («Elizabeth: The Golden Age»).
  • Trucco: Didier Lavergne, Jan Archibald («La vie en rose»).
  • Effetti visivi: Michael Fink, Bill Westenhofer, Ben Morris, Trevor Wood («The Golden Compass»).
  • Sonoro (mixaggio): Scott Millan, David Parker, Kirk Francis («The Bourne Ultimatum – Il ritorno dello sciacallo»).
  • Sonoro (montaggio): Karen Baker Landers, Per Hallberg («The Bourne Ultimatum – Il ritorno dello sciacallo»).
  • Colonna sonora: Dario Marianelli («Espiazione»).
  • Canzone: «Falling Slowly», di Glen Hansard e Marketa Irglova («Once»).
  • Film d’animazione: «Ratatouille», di Brad Bird.
  • Documentario: «Taxi to the Dark Side», di Alex Gibney e Eva Orner.
  • Documentario cortometraggio: «Freeheld», di Cynthia Wade e Vanessa Roth.
  • Cortometraggio: «Le Mozart des pickpockets», di Philippe Pollet-Villard.
  • Cortometraggio d’animazione: «Peter and the Wolf», di Suzie Templeton e Hugh Welchman.
oscarcoen.jpg

La guerra tra Blu-ray e HD-DVD è finita… chi ha vinto?

A quanto pare sembra essere proprio finita la guerra di formati per i contenuti ad alta definizione tra HD-DVD e Blu-ray.
Dopo che la maggior parte delle major cinematografiche (forse è meglio dire ormai la quasi totalità) hanno espresso di supportare esclusivamente il supporto Blu-Ray appoggiato da Sony, Toshiba (la grande sostenitrice di HD-DVD assieme a Microsoft e Intel) ha annunciato, tramite questo comunicato stampa, che non intenderà proseguire lo sviluppo e la commercializzazione di lettori e masterizzatori HD-DVD a partire dal prossimo Marzo 2008.
Blu-ray si avvia quindi a diventare lo standard di fatto per i contenuti in HD nei prossimi anni, una grande rivincita per Sony dopo i fallimenti in passato del formato Betamax che fu sconfitto dal meno tecnicamente avanzato VHS.

 bluraydisc.png

Le stampanti spione

Notizia a dir poco curiosa e sconcertante riguardante delle stampanti a colori laser che lasciano delle “tracce”.
Riporto un estratto dell’articolo dal blog di Paolo Attivissimo.

Probabilmente non sapete che il governo degli Stati Uniti ha convinto con molta discrezione i principali produttori di stampanti e fotocopiatrici a colori a modificarne il funzionamento in modo che ogni esemplare generi, in ogni stampa, uno schema di puntini univoco. Questo permette di risalire, per esempio, alla specifica stampante/fotocopiatrice che ha prodotto una tiratura di banconote false, e secondo la Electronic Frontier Foundation consente anche di sapere ora e data della stampa.

Lo schema è costituito da puntini gialli quasi impercettibili. Andrew “Bunnie” Huang ha modificato uno scanner per rivelarli (li vedete tinti di blu nell’immagine qui sopra). La EFF ha pubblicato una lista di stampanti e fotocopiatrici che ha esaminato alla ricerca del segno spione: ci sono tutte le più note marche.

Il problema di questa tecnologia è che può essere usata per scopi ben diversi dall’identificazione dei falsari di banconote. Non ci vuole molta fantasia per rendersi conto che un marchio identificativo segreto annidato in ogni documento stampato è la manna dal cielo per qualsiasi governo che voglia reprimere la diffusione di documenti non autorizzati o sorvegliare i dissidenti.

printer-tracking-dots-2600n_sample.jpg
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: